“PretenDiamo legalità”

In occasione del 170° anniversario della fondazione della Polizia di Stato il 12 aprile presso il Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno si è svolta la premiazione del Concorso bandito dalla Polizia di Stato, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, per l’anno scolastico 2021/2022 dal titolo: “PretenDiamo legalità”, finalizzato alla promozione della cultura della legalità. Destinatari del progetto sono stati gli studenti della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado e di secondo grado di diverse province italiane tra cui quella di Ascoli Piceno. Il progetto ha previsto la partecipazione degli studenti che hanno aderito agli incontri con funzionari ed operatori della Questura con l’obiettivo di stimolare una riflessione sull’importanza della legalità, che passa necessariamente attraverso la partecipazione attiva e consapevole di tutti i cittadini, ai quali si chiede di essere protagonisti nella realtà sociale. In particolare gli argomenti proposti sono stati: Cittadinanza attiva e Costituzione: cosa significa legalità e perché il rispetto delle regole è importante per diventare cittadini responsabili; il contrasto della criminalità organizzata, anche di stampo mafioso, in concomitanza del 30° Anniversario delle stragi di Capaci e di Via D'Amelio; la capacità di respingere ogni forma di compromesso avendo il coraggio di reagire alle ingiustizie, ai soprusi e all'illegalità; Cittadinanza digitale:l'uso consapevole dei mezzi di comunicazione virtuali, i rischi connessi alla navigazione in Internet e all'uso indiscriminato dei Social Network: i fenomeni del cyberbullismo (i troll, il flaming, gli haters, il body shaming), il dark web, l'adescamento, il revenge porn, le challenge o sfide sui social, la dipendenza da internet; Rapporto con gli altri:cosa significa essere responsabili delle proprie azioni e quanto le proprie scelte incidano sulla vita altrui: l'uso e l'abuso di sostanze alcooliche e stupefacenti nei più giovani anche durante feste, rave party o discoteche. Gli effetti dannosi sull'organismo e sul comportamento, soprattutto nel rapporto con gli altri e le implicazioni che ne derivano sotto il profilo della legalità; il fenomeno delle devianze giovanili (baby gang, bullismo); i comportamenti trasgressivi o illeciti posti in essere, anche inconsapevolmente, dalle giovani generazioni; le situazioni di disagio sociale e familiare connesse alle devianze e il rapporto con le tendenze musicali emergenti (trap, rap). Per gli studenti più grandi poteva essere utilizzato come testimonial d'eccezione il Commissario Mascherpa, protagonista del graphic novel edito da Poliziamoderna che, con le sue indagini, poteva rivelarsi fonte d'ispirazione per i lavori dei ragazzi, in particolare: Graphic novel o Fumetto, Video o Spot con protagonista il Commissario Mascherpa impegnato nella risoluzione di un'indagine. Un'apposita commissione, nominata e presieduta dal Questore di ciascuna provincia ha individuato un lavoro per ciascuna categoria tenendo conto dei seguenti criteri: efficacia e pertinenza nella rappresentazione del tema; creatività ed originalità di espressione. L’elaborato della scuola secondaria di secondo grado, risultato vincitore della selezione provinciale, è stato premiato con un assegno di €. 300,00 che è stato consegnato ai realizzatori. Per il Liceo Artistico “O. Licini” dell’IIS “Orsini-Licini” di Ascoli Piceno hanno partecipato al concorso le classi 3^, 4^, e 5^ dell'indirizzo di GRAFICA coordinati dalla referente Prof.ssa Maura Orsini, con il supporto dei docenti Bonelli Carlo, Caviglioni Matteo, Trivelli Stefania e Vagnoni Cinzia. Importante anche la collaborazione esterna e rapporti con la Questura, nella figura dell'Ispettore Superiore Remo Cinaglia, curati dalla Prof.ssa Gaspari Caty. I lavori selezionati e risultati vincitori a livello provinciale per singola categoria, sono stati inviati, a cura della Questura di Ascoli Piceno entro il 18 aprile 2022, al Ministero dell'Interno, Segreteria del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, Ufficio Relazioni Esterne, Cerimoniale e Studi Storici - Settore Organizzazione Eventi, ciò per una selezione nazionale del Concorso. Il percorso si è rivelato così significativo che sono risultati vincitori gli studenti frequentanti la classe 5^ dell’indirizzo di Grafica: 1° posto LAPORTA MONROY KIYOMI con il fumetto "IL RAPIMENTO" e al 2° posto PASQUALINI ALESSIO e SOFIA ALESSIA con il video "NON CI CASCHERO’". Nella graphic novel la studentessa ha scelto di trattare il tema del "Sequestro" di due bambine, da cui poi prende nome l'intero progetto. A suo avviso l'argomento si prestava a creare nel lettore quella sensazione di pericolo/suspence a cui solo il bravo e stimato commissario Mascherpa poteva dar pace. Il progetto aveva l’obiettivo di sottolineare come sia importante nelle situazioni di pericolo affidarsi a persone competenti atte a tutelare la nostra vita. La vera vittoria, ha dichiarato l’alunna, è stata quella di avere la possibilità di sviluppare un progetto così impegnativo partendo da zero, supportata e aiutata dai propri Insegnanti nella realizzazione dell'elaborato grafico che ha richiesto  notevole impegno e dedizione. Gli altri studenti invece hanno deciso di realizzare un prodotto che avesse come tematica l’utilizzo inconscio di sostanze stupefacenti. Il messaggio di allert che volevano trasmettere è stato ottenuto attraverso l’invenzione di una breve storia che mettesse in evidenza le conseguenze di tali azioni. Gli studenti hanno ipotizzato di rivolgersi a un pubblico di loro coetanei e proprio per questo hanno utilizzato ambientazioni e musica che ne contestualizzassero i temi. Lo stile grafico, pulito e lineare, era volto a sottolineare l’immediatezza del linguaggio.

Allegati
Foto

Ultima modifica il 21-04-2022 da MAURIZIO CALENTI